Logo Nintendo Galaxy

Perché giocare a The Legend of Zelda su Nintendo Switch.

Conosciamo bene la fama di questa saga, ma è sempre bello ripercorrere le ragioni per cui Zelda è davvero un'esperienza unica nel suo genere.

Leggi l'Articolo
My First Songs - Recensione.

My First Songs - Recensione.

Il 3DS ha dimostrato, negli ultimi anni, di essere una delle console più versatili della storia: le sue esclusive, infatti, vanno dai survival horror più macabri - vedi Resident Evil: Revelation, che ha riportato un po' di gloria ad un brand che ormai è action quasi puro -, ai complessi platform ed RPG che hanno fatto la storia della grande N, fino ai giochi per i bambini.
Ora, qui in Italia è radicata l'idea che 'i videogiochi sono roba da bambini e ragazzini', ma nella maggior parte dei casi non è così.
In questa recensione vi mostrerò cos'è veramente un titolo per bambini, volto solo ed unicamente all'educazione e all'intrattenimento dei più piccoli, che negli ultimi tempi, purtroppo, vengono parcheggiati davanti a smartphone, tablet e consoles con giochi a caso, oltre che alla TV.

My First Songs è un rhythm game che accompagnerà i piccoli possessori di un 3DS/2DS alla scoperta di 15 canzoncine/filastrocche popolari, quali 'Twinkle twinkle little star', o la famosissima 'Nella vecchia fattoria'.
Il tutto accompagnato da simpatiche animazioni in 3D, che potranno essere visionate anche se non si sta giocando.
Per quanto riguarda l'effetto 3D, è molto leggero e decisamente giù di tono, e la cosa va benissimo, data la fascia di pubblico sulla quale si vuol far leva, ma sarebbe stato molto meglio eliminarlo del tutto, sempre per lo stesso motivo.
Per il resto, i filmati sono ben curati, pieni di colori e fantasia, e riusciranno senza dubbio a tenere alta l'attenzione del bambino.

Ma passiamo al 'gameplay': in My First Songs il nostro obbiettivo sarà quello di toccare a tempo una porzione fissa di schermo, nella quale scorreranno numerosi pallini colorati, che ovviamente saranno rigorosamente a ritmo con la canzone. Ed è questo l'intento principale del gioco: dare ai più piccoli il senso del ritmo, cosa importantissima che nell'educazione moderna viene messa un tantino da parte.
Detto ciò, sono presenti ben tre livelli di difficoltà, entrambi alquanto facili per noi 'veterani', ma che sapranno mettere alla prova le abilità dei 'neofiti'. In My First Songs, come in ogni rhythm game che si rispetti, c'è anche un sistema di punteggio, che assegnerà un voto all'esecuzione del brano

Da segnalare assolutamente però è la mancanza della lingua italiana, che complicherà senza dubbio l'interazione con il titolo.

In definitiva, My First Songs è un titolo ben studiato per i più piccoli, e li aiuterà a sviluppare il senso del ritmo, intrattenendoli con delle simpatiche animazioni visive su ninne nanne e filastrocche classiche. Un buon acquisto per Babbo Natale, che però dovrà ammodernarsi, poiché il gioco è disponibile solo in versione digitale.

Per dirla #InDueParole, My First Songs è:
- educativo, perché aiuta ai bambini a sviluppare il senso del ritmo, cosa importantissima;
- divertente, perché allo stesso tempo riesce ad intrattenerli con i suoi colori accesi e le sue animazioni vivaci.

VOTO: 7.5

PRO
- animazioni colorate e ben fatte;
- tre livelli di difficoltà;
- colorato ed intuitivo;

CONTRO
- 3D veramente superfluo;
- mancanza di una localizzazione italiana.

Nessun commento:

COMPRA CON NOI

The Legend of Zelda: Tears of the Kingdom

Per ogni copia acquistata con questo link contribuirai a tenere vivo il progetto Nintendo Galaxy.

Ti ringraziamo per il supporto.

Acquista Ora