Logo Nintendo Galaxy

Perché giocare a The Legend of Zelda su Nintendo Switch.

Conosciamo bene la fama di questa saga, ma è sempre bello ripercorrere le ragioni per cui Zelda è davvero un'esperienza unica nel suo genere.

Leggi l'Articolo
Speciale | Lo spirito di Mario Kart.

Speciale | Lo spirito di Mario Kart.

Proiettiamoci un momento in una serata di 4 o 5 anni fa: ti trovavi nella tua abitazione, con altri 3 amici, e tutti hanno finito di cenare. Dopo aver parlato del più e del meno, arrivava il momento di dedicarsi a qualcosa che potesse divertire tutti. La risposta non era poi così difficile da trovare: si accendeva il Nintendo Wii, si mettevano a disposizione quattro telecomandi e cominciava la gara. Il disco nella console era quello di Mario Kart Wii, ovviamente, il gioco che ha unito generazioni diverse, che ha fatto cominciare nuove amicizie (e ne ha fatte finire altre, basti pensare al Guscio Blu…) e che ha riempito le nostre giornate migliori. 

Ma cosa ha di speciale questo titolo, come un po’ tutti i capitoli della serie? Naturalmente il faccione di Mario, insieme a tutti gli altri abitanti del Regno dei Funghi, non può che suscitare un’istantanea simpatia. A tutti questi personaggi sono stati poi messi a disposizione strane autovetture e altrettanto strambi motocicli, ognuno con caratteristiche peculiari (accelerazione, velocità, derapata, ecc.). Poi ancora, la presenza di 32 piste differenti, 16 del tutto nuove e 16 prese da capitoli del passato (le quali rappresentato una novità per i giocatori novelli e una lacrimuccia di nostalgia per i giocatori navigati), divise in 8 Gran Premi. Non vi basta? E allora sappiate (ma probabilmente lo sapete già) che la peculiarità che ha fatto da sempre amare Mario Kart è la possibilità di utilizzare oggetti durante la corsa: il Pallottolo Bill è per chi è rimasto indietro e non riesce a recuperare posizioni (insieme al Fungo dorato), il Guscio Verde è per i “cecchini”, l’inchiostro del Calamako può essere fatale per alcuni giocatori e inefficace per altri, le banane lasciate a mo’ di trappole e poi il già citato Guscio Blu, l’arma fatale che colpisce inevitabilmente il primo in classifica e può ribaltare la situazione in pochi secondi. Tutto questo è Mario Kart, un simulatore di guida che però funge da party game. Ora, tra circa una settimana, potremo ritornare a quei tempi dove anche i non-giocatori si cimenteranno in una partita e dove gli appassionati suderanno sette camicie per ottenere l’oro in tutte le modalità, grazie all’uscita tanto attesa di Mario Kart 8, per Wii U. Avranno luogo gare spericolate con sessioni di gravità invertita, sottomarine e con le ruote per aria, virando con il deltaplano. L’atmosfera sarà poi condita da nuovi personaggi, piste e oggetti (in uno splendido HD). Ancora pochi giorni e torneremo a rivivere quegli splendidi momenti in compagnia, che pochi giochi come Mario Kart sanno regalare. 

Ora ci sarebbe da chiedersi: c’è qualcosa che non ha funzionato nei vecchi capitoli che questo nuovo titolo potrebbe migliorare? Cominciamo dalla differenza tra moto e kart: molti si sono lamentati della netta superiorità dei veicoli a due ruote a discapito dei kart nel capitolo per Wii, ma il Direct ci ha fatto tirare un sospiro di sollievo per il nuovo arrivato. Infatti hanno mostrato come in Mario Kart 8 la differenza tra i due è praticamente minima, e il vantaggio che possono portare cambia a seconda della pista. 
Poi, in Mario Kart 7 qualcuno aveva riscontrato difficoltà nel pilotare la vettura in cielo con il deltaplano, poiché non facilmente manovrabile. Non si hanno certezze, ma probabilmente con sul Wii U potremo correre senza più questo tipo di problemi: il sistema di controllo, infatti, è sicuramente stato migliorato e adattato per una guida fluida di puro divertimento. Andando avanti, troviamo dei “bumper” nelle zone a gravità invertita i quali, se colpiti, contribuiranno ad uno scatto così come se ci si scontra con un avversario: questi fattori, pur sembrando banalità, favoreggeranno chi è veramente bravo e saprà sfruttare piccole furbizie per guadagnare anche quel secondo che lo porterà alla vittoria. 
Guardando ai difetti invece? Sono stati numerosissimi i commenti di critica riguardo al “Super clacson”, primo e unico oggetto in grado di salvare il giocatore dal Guscio Blu, prima d’ora inevitabile. Io non lo considererei nemmeno un vero e proprio difetto: se qualcuno è tanto abile che, dopo aver ottenuto il “Super clacson” da un Cubo Oggetto quando si trova in una posizione intermedia, riesce a superare tutti e a portarsi primo (senza l’uso di alcun altro oggetto naturalmente, avendo lo slot occupato) è giusto che sia premiato da questo scudo, che sarà comunque monouso. Per finire, la piccola macchia sulla tela è rappresentata dai personaggi selezionabili. Sebbene ce ne siano molti, una trentina, sono piuttosto “simili” (come i 7 scagnozzi di Bowser, i vari “baby”, Mario e Mario Metallo, Peach e Peach Oro Rosa) e mancano molti volti noti e amati dei vecchi titoli come Re Boo, Bowser Junior, Tartosso e Skelobowser. 

Non tutto è perduto, comunque: magari ci hanno tenuti nascosti altri personaggi che li inseriranno attraverso dei DLC, meglio ancora se gratuiti. Comunque, ora come ora, lasciamo i pregi e i difetti da parte (anche perché ogni singolo videogioco ne ha e la serie Mario Kart non è da meno) e aspettiamo pazientemente questi ultimi giorni. Si sentiva la necessità di un gioco che rendesse il Wii U una console ancora più speciale. 

Nessun commento:

COMPRA CON NOI

The Legend of Zelda: Tears of the Kingdom

Per ogni copia acquistata con questo link contribuirai a tenere vivo il progetto Nintendo Galaxy.

Ti ringraziamo per il supporto.

Acquista Ora